Destinazione Lampedusa. Mostra di libri senza parole.

Destinazione Lampedusa. Mostra di libri senza parole.

Il 21gennaio si è conclusa, al Palazzo delle esposizioni di Roma, la mostra dedicata ai libri senza parole che Ibby Italia sta raccogliendo per il progetto della biblioteca per bambini migranti e non a Lampedusa.
Ci piace segnalare questo progetto perché ha avuto dei momenti e dei laboratori davvero interessanti e magari riproducibile, in ogni caso testimonianza di ottime pratiche di lavoro sul tema dell’accoglienza.
“Siamo tutti profughi, senza fissa dimora nell’intrico del mondo.
Respinti alla frontiera da un esercito di parole, cerchiamo una storia dove avere rifugio”
da Timira di Wu Ming 2 e Antar Mohamed
Il 3 ottobre, Giornata della Memoria e dell’Accoglienza, istituita per ricordare tutte le vittime dell’immigrazione inaugura al Palazzo delle Esposizioni la terza edizione di Libri senza parole. Destinazione Lampedusa.
Una mostra che nasce dal progetto promosso da IBBY Italia in collaborazio e con IBBY International e i Servizi
educativi del Palazzo delle Esposizioni di Roma , avviato nel 2012 con l’idea di creare una selezione dei migliori silent book
pubblicati in tutto il mondo e costruire una Biblioteca per bambini e ragazzi a Lampedusa.
Finalmente aperta lo scorso 16 settembre nello spazio messo a disposizione dal Comune di Lampedusa in Via Roma, la biblioteca ospita in contemporanea la mostra fino alla fine di ottobre.
All’inaugurazione , alle ore 18.30, interverranno Innocenzo Cipolletta , Commissario Azienda Speciale Palaexpo , Silvana Sola  Presidente IBBY Italia, Deborah Soria , Referente del progetto per IBBY Italia, Massimo Bray, Presidente della Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura di Torino , Flavia Citton ,Ufficio Educazione e Formazione Amnesty International.
Alle 17.00 laboratorio speciale condotto dall’illustratrice Mariachiara Di Giorgio con la partecipazione degli ospiti di Baobab Experience Roma.
Il progetto si articola attorno a due iniziative: > la costituzione di una biblioteca per ragazzi a Lampedusa , dedicata ai bambini e ragazzi che vivono sull’isola con l’obiettivo di raggiungere anche i giovani ospiti del Centr  di Primo Soccorso e Accoglienza.
La creazione di una biblioteca comunale nell’isola ha una valenza altamente simbolica: Lampedusa rappresenta tutti i luoghi remoti e di frontiera e questo progetto vuole essere un’occasione per portare all’attenzione delle istituzioni e della società civile i bisogni di chi cresce lontano dalla lettura e da quei principi di rispetto e comprensione dell’altro che la lettura è in grado di stimolare
> la realizzazione di una selezione internaz onale di silent book La tipologia di libri che IBBY Italia ha scelto di raccogliere e donare all’isola di Lampedusa non è casuale.
Il nucleo di partenza   infatti costituito da un fondo di silent book , ovvero libri senza parole che, affidando il racconto alle sole
immagini, riescono ad annullare ogni barriera linguistica e culturle. Libri particolarmente adatti a stimolare e facilitare l’ incontro tra bambini di origini diverse e, al tempo stesso, utili per gettare solide basi per l’apprendimento di un vocabolario delle immagini, veicolo privilegiato nel mondo della comunicazione globalizzata.
Il progetto, giunto alla terza edizione, ha portato fino a oggi alla raccolta di oltre 250 albi senza parole dai 5 continenti
ospitati nella biblioteca dell’isola e nello Scaffale d’arte del Palazzo delle Esposizioni a disposizione di ricercatori, docenti e appassionati. La raccolta diventa anche mostra bibliografica itinerante, che può circolare a richiesta in Italia e all’estero.
la mostra a cura del Laboratorio d’arte del Palazzo delle Esposizioni e Ibby Italia Libri senza parole. Destinazione Lampedusa è una mostra itinerante con cadenza biennale che viaggia con le sue valigie di storie in tutto il mondo. In contemporanea con Lampedusa, sbarca al Palazzo delle Esposizioni di Roma invadendo lo Spazio Fontana e il Forum del piano zero per parlare di libri , educazione e diritti partendo simbolicamente dal centro del Mediterraneo. Un’esposizione per costruire ponti tra persone, culture e sponde
d i due mari. Una mostra di libri che, come rifugi silenziosi, offrono accoglienza e protezione in un luogo diverso, quello dell’immaginazione e dell’altrove. Un mare di libri e storie che divengono compagni di viaggio in peregrinazioni reali e fantastiche.
Quest’anno la mostra vede la partecipazione di 21 Paesi da 4 Continenti per un totale di oltre 80 libri inviati, che raccolgono la migliore produzione mondiale degli ultimi due anni che si distingue per la qualità e l’originalità delle narrazioni.
Accanto ai libri dell’ultima edizione, le honour list delle edizioni precedenti selezionate di volta in volta da una giuria internazionale di esperti. Opere esemplari per contenuti e valore estetico racconteranno questo mondo silenzioso quanto fragoroso, assieme a una selezione delle tavole originali dei manifesti del  concorso “una biblioteca al centro del Mediterraneo” lanciato da Ibby Italia e vinto dall’illustratrice
Cecilia Campironi . Arricchisce la mostra un particolare allestimento per ascoltare le molteplici voci e storie racchiuse in questi libri speciali,
che non dettano un punto di vista dominante, ma lasciano correre liberi gli occhi tra le pagine alla ricerca di interpretazioni e dettagli infiniti.
www.palazzoesposizioni.it
www.bibliotecasalaborsa.it/ibby
PROGRAMMA EVENTI
visite e laboratori 3 ottobre ore 17 >18.30
laboratorio aperto in occasione della Giornata della memoria e dell’accoglienza condotto da Mariachiara Di Giorgio e con la partecipazione speciale degli ospiti di Baobab Experience Roma su prenotazione a
scaffaledarte@palaexpo.it
23 novembre ore 17>19
CONFINI
laboratorio aperto in collaborazione con Numero Verde Rifugiati Arci su prenotazione a
scaffaledarte@palaexpo.it
8 ottobre
21 gennaio
IN VIVA VOCE
Una visita in mostra e un laboratorio per imparare il valore del silenzio, scoprire i suoni e le voci nascoste tra le pagine dei libri senza parole, aguzzare la vista e scoprire insieme che un libro può essere un rifugio in cui trovare riparo dal chiasso del mondo, un ponte tra noi e l’altro, compagno di viaggio verso il mondo dell’immaginazione, un luogo fisico di incontro e dialogo tra culture. scuole
infanzia e primaria
dal martedì al v
enerdì ore 10:00 e 11:30
attività € 80,00 per gruppo classe
ingresso gratuito
prenotazione obbligatoria tel. 848.08.24.08
famiglie
bambini 3
6 anni con i genitori
domenica (escluso i festivi e il
24 dicembre) dalle 11:00 alle 13:00
attività € 8,00 per
ragazzo
prenotazione consigliata tel. 06.39967500
incontri di formazione
16 > 20 ottobre 2017
LA VOCE DEI LIBRI
corso di formazione per educatori e operatori dei centri di prima e seconda accoglienza
organizzato da IBBY Italia
e Servizi educativi
Laboratorio d’arte del Palazzo delle Esposizioni
Tutte le persone vivono e sopravvivono in un mondo di storie. I libri aprono le porte per nuove relazioni possibili e nuove conoscenze del mondo e delle persone.
Il corso si rivolge a operatori, enti, associazioni e tutte le realtà che partecipano a vario titolo al complesso processo di accoglienza dei migranti, soprattutto minori, che arrivano in Italia e ha come obiettivo sensibilizzare all’utilizzo del libro e dell’alb
o illustrato come strumento di mediazione necessario e attivo in un’ottica di superamento di ogni barriera linguistica e culturale.
Attraverso gli incontri con editori ed esperti,sarà possibile affacciarsi all’articolato sistema della filiera editoriale, comprendendone
i meccanismi, la passione che li anima e la necessità.
Un’occasione unica per capire e usare uno strumento potente come “il libro” per facilitare ed accompagnare l’accoglienza dei minori e degli adulti stranieri.
Contenuti del corso
Il libro come strumento di mediazione e accoglienza oggi + come si fanno i libri e cosa troviamo in un  libro+ tecniche di lettura ad alta voce
 + tecniche di narrazione e racconto
+ giochi e attività legate alle storie
+ incontri con esperti e professionisti del settore
Il corso è rivolto a operatori e operatrici che lavorano a vario titolo (anche volontario) nell’accoglienza con:
-la curiosità e la voglia di comprendere nuovi strumenti e metodologie
-la disponibilità a frequentare per una settimana intensiva
-la passione per le storie e chi le racconta
28 ottobre 2017
LIBRI SENZA PAROLE COME STRUMENTI DI EDUCAZIONE E MEDIAZIONE
corso di formazione per insegnanti di ogni ordine e grado, genitori,curiosi,appassionati Un incontro per scoprire insieme il fondo internazionale dei libri senza parole custodito presso lo Scaffale d’arte del Palazzo delle Esposizioni e conoscerne caratteristiche e potenzialità attraverso momenti teorici e pratiche di laboratorio.
FUORI CLASSE l
ezioni di italiano L2 e laboratori d’arte in collaborazione con l’associazione Asinitas In occasione della mostra, il Palazzo delle
Esposizioni esce dai suoi confini e incontra alcune comunità straniere presenti sul territorio romano per poi ospitare negli spazi dello Scaffale d’arte un ciclo di lezioni di italiano e laboratori d’arte per un gruppo di donne e uomini migranti provenienti dal Subcontinente Indiano, dal Nord Africa, dal Sud America, dall’Europa dell’Est e dalle Filippine, ma anche rifugiati e richiedenti asilo dell’Africa Sub-Sahariana e del
Medio Oriente. Punto di partenza di ogni incontro i libri senza parole custoditi all’interno della collezione e della mostra che, affidando il racconto alla sola potenza delle immagini, abbattono le barriere linguistiche e divengono prezioso strumento di educazione e mediazione, eccellente per condividere esperienze e narrazioni, per uscire dalla dinamica della lezione passiva in cui chi sa” insegna a chi non sa”,
per entrare in relazione con sé e con l’altro e sperimentare una nuova forma di dialogo interculturale e inclusione sociale all’interno e all’esterno dello spazio espositivo.
domenica 3 dicembre 2017
LETTURE SILENZIOSE
letture in LIS per tutti in collaborazione con il 173° Circolo Didattico di via Nomentana In occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità ,lettura integrata bilingue (italiano e LIS) rivolta al pubblico udente e non udente di alcuni libri senza parole presenti in mostra.
Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *