Boys don’t cry, il mondo visto con gli occhi dei migranti

Boys don’t cry, il mondo visto con gli occhi dei migranti

Articolo di Marco Dotti pubblicato su Vita il 16/04/19:

Tutto pronto per l’inaugurazione di “Boys don’t cry”, la bella mostra a cura di Ludovica Anzaldi che apre venerdì 19 aprile al Centro Internazionale di Fotografia diretto da Letizia Battaglia. Come guardare il mondo? Come rispettarlo? Come cogliere, nell’incrocio di sguardi, quello sempre fecondo di tradizioni, speranze, civiltà?

Ludovica Anzaldi è nata a Roma. Le sue radici sono a Palermo, vive e lavora a Parigi. Fotografa, di lei conosciamo il lavoro fatto a Calais, segno di un lavoro che ha al centro l’umano, nelle sue declinazioni più fragili. Su Vita siamo contenti di aver ospitato un suo reportage: Sguardi felici a Calais.

Gli sguardi ritornano oggi in Boys don’t cry, la mostra curata da Anzaldi che inaugura a Palermo venerdì 19, presso Centro Internazionale di Fotografia diretto da Letizia Battaglia. 

Boys don’t cry è frutto di un progetto che ha coinvolto un gruppo di migranti ospiti del Centro d’accoglienza Asante di Palermo, in un workshop di educazione all’immagine e filmmaking condotto dalla stessa Anzaldi durante la scorsa estate.

Un percorso lungo un mese, per sensibilizzare e stimolare il loro sguardo sulla realtà e imparare a esprimersi utilizzando il mezzo fotografico. Durante il workshop ai ragazzi sono stati forniti gli strumenti creativi per imparare a costruire un lavoro foto/video e a comporre immagini per elaborare un racconto: il loro racconto personale.

L’obiettivo è stimolare i giovani autori, che hanno lavorato in piena libertà, e suscitare nei ragazzi degli sguardi personali, critici e liberi, attraverso uno scambio emotivo e culturale: l’acquisizione di una visione e di una tecnica per esprimersi, consente infatti il superamento di ogni barriera linguistica e culturale, costituendo inoltre un bagaglio di competenze e abilità che potranno sfruttare anche oltre quest’esperienza.

“I ragazzi di Asante, di età compresa tra i 17 e il 23 anni, hanno tutti provenienze diverse e abitano nel Centro d’accoglienza in attesa di quei documenti che potrebbero dargli una nuova possibilità di vita. I tempi posso anche essere lunghissimi. Da qui è nata l’idea di fare un piccolo workshop così che possano integrarsi attraverso l’apprendimento, la creazione, l’espressione di sé e la conoscenza del nostro Paese”

In mostra sono esposti un corpus di fotografie a colori realizzate su pellicola medio formato (6×6) da Hamissa Dembélé, Mory Sangare, Fofana Abdoulaye, Buba Drammeh e Kaita Aboubacar con un Hasselblad 500 che ritraggono gli stessi ragazzi – o anche la loro assenza – utilizzando i pochissimi oggetti che possiedono (camicie, scarpe, le sedie delle loro camere, le riproduzioni dei dipinti nei corridoi del centro…) insieme a frutta e verdura acquistate nel vicino mercato di Ballarò; una proiezione di foto (pellicola in bianco e nero) realizzate durante le visite a Manifesta che offrono uno sguardo sulla città di Palermo, dai palazzi del centro storico all’Orto Botanico.

Saranno inoltre presentati due video sempre realizzati dai giovani migranti che documentano le fasi del progetto. Accompagnano il percorso espositivo anche una serie di disegni a colori di Hamissa Dembélé in cui il giovane autore maliano reinterpreta i set fotografici.

L’Articolo è disponibile qui.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *