La casa degli uccelli, di Davide Calì e Tiziana Romanin

La casa degli uccelli, di Davide Calì e Tiziana Romanin

Da Liberweb:

La Casa degli Uccelli, di Davide Calì e Tiziana Romanin, Marameo edizioni


«Un giorno mio papà mi portò in una libreria francese
e io chiesi di avere un libro sugli uccelli.
Io e la bambina lo avremmo usato per disegnarne di nuovi
e avremmo imparato tutti i loro nomi.
Ma lei il libro non lo vide mai.
Il giorno seguente la portarono via.»

Svizzera primi anni ’70: un ragazzino scopre che nella soffitta del suo palazzo vive una bambina clandestina figlia di una coppia di italiani.
Passano i pomeriggi insieme, disegnando, finchè la polizia porterà via la bambina, la cui presenza viene denunciata da una coppia di vicini.

L’autore
Davide Calì è nato in Svizzera. Fumettista, illustratore e autore per bambini. I suoi libri originali escono in Italia per KITE, Zoolibri, Orecchio Acerbo, Arca; in Francia per Sarbacane, Actes Sud e Thierry Magnier; negli Stati Uniti con Chronicle; in Portogallo per Planeta Tangerina. I suoi libri hanno ricevuto premi in Francia, Belgio, Germania, Svizzera, Spagna e Stati Uniti e sono stati tradotti in oltre 30 paesi. Al momento ha all’attivo più di cento pubblicazioni. «La casa degli uccelli» è il suo primo libro con Marameo.

L’illustratrice
Tiziana Romanin è scenografa per formazione e illustratrice per vocazione. Dopo aver lavorato come costumista
in vari teatri italiani, si è dedicata esclusivamente all’ illustrazione. Dopo aver vissuto a Parigi per oltre un decennio,
vive a Milano dal 2006. Ha lavorato per importanti riviste francesi (Libération, Le Magazine Littéraire, Le Figaro, Le
Monde, Télérama, Pianiste) e con Il Sole 24 Ore in Italia. Ha pubblicato e continua a pubblicare copertine, libri tascabili
e albi illustrati per case editrici francesi e italiane. Insieme alla sua attività di illustratrice, lavora anche come
incisore, creando libri artistici, utilizzando tecniche tradizionali di incisione a mano.
«La casa degli uccelli» è il suo primo libro con Marameo.

I bambini negli armadi.
È difficile fare delle stime di questo fenomeno, tutt’altro che marginale: si parla di diecimila-quindicimila minori clandestini in Svizzera. Sono i figli dei lavoratori stagionali: italiani, iugoslavi, spagnoli, portoghesi. Lo statuto dello stagionale, istituito nel 1931 e soppresso nel 2002, vietava infatti il ricongiungimento familiare poiché si temeva «l’inforestierimento». Alcune famiglie di stagionali affidavano i figli ai nonni o agli zii rimasti in patria, altre li iscrivevano alle scuole, nei collegi che si trovavano vicini alla frontiera, per esempio a Como, Novara, Domodossola, per poterli visitare almeno una volta al mese. Infine c’era chi se li portava con sé e li nascondeva in casa per mesi, per anni.
L’albo illustrato da Tiziana Romanin racconta con delicatezza la storia di una «bambina nell’armadio». Il 2019 è stato dichiarato «Anno dei diritti dei bambini» e il libro è perfetto per affrontare il tema a casa ed a scuola. A partire dalla prima elementare.
Marameo Edizioni  

Informazioni:
MarameoEdizioni
Via Gaggiole 88
CH-6596 Gordola
marameoedizioni@bluewin.ch


Recensione di Biblioragazzi qui

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *