“Where are you? Dimmi dove sei”, il docufilm di National Geographic dedicato ai migranti

“Where are you? Dimmi dove sei”, il docufilm di National Geographic dedicato ai migranti

National Geographic e una foto, quella di Massimo Sestini, che ha fatto il giro del mondo. Una serie di destini ad essa legati che ha voluto raccontare in un film documentario realizzato per NG da Doclab, con la regia di Jesùs Garcès Lambert. Il progetto vede il patrocinio dell’UNHCR.

Estate 2014, nelle acque internazionali tra Libia e Sicilia, da un elicottero della Marina Militare italiana, Massimo Sestini scatta a un barcone carico di migranti una straordinaria foto zenitale diventata simbolo della crisi migratoria in Mediterraneo e vince un World Press Photo nel 2015.

Negli anni il clamore attorno alla questione migranti non si è spento ma è anzi cresciuto: migliaia di persone continuano a rischiare la vita in mare ogni giorno. Nel 2016 Sestini, prova a capire dove siano finiti quegli uomini, donne e bambini, se siano ancora in Europa, se siano sani e salvi e abbiano cominciato una nuova vita, e lancia un appello sul web: “Where are you?”.

L’appello viene raccolto da National Geographic che decide di raccontare questa storia di disperazione e speranza con il documentario, Where are you? Dimmi dove sei”.
A produrre il documentario per National Geographic è Doclab con la regia di Jesùs Garcès Lambert. Il progetto vede il patrocinio dell’UNHCR.

Il racconto della preparazione del docufilm, le storie e il viaggio umano dei suoi protagonisti in questi interventi tenuti lo scorso 3 aprile all’International Journalism Festival di Perugia da Massimo Sestini (fotoreporter), Fabrizio Gatti (giornalista e scrittore), Marco Cattaneo (direttore National Geographic Italia Magazine) e Andrea Bosello (Executive producer, Fox Networks Group Italy).

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *