Io non sono straniero. Reportage narrativo e progetto di Giulia Viezzoli con le illustrazioni di Fuad Aziz

Io non sono straniero. Reportage narrativo e progetto di Giulia Viezzoli con le illustrazioni di Fuad Aziz

Su “Per iscritto“, Marzia Tomasin incontra Giulia Viezzoli. Pubblicato il 6 novembre 2019:

L’ospite di questo episodio di Periscritto è Giulia Viezzoli che è un’educatrice professionale specializzata nell’insegnamento dell’italiano per stranieri. Giulia Viezzoli è l’autrice di un libro che s’intitola “Io non sono straniero” con le illustrazioni di Fuad Aziz.

Si tratta di un reportage narrativo attraverso il quale l’autrice mette a disposizione dei lettori la sua esperienza di facilitatrice linguistica, nelle scuole pubbliche di I e II grado della periferia di Milano. La narrazione si sviluppa seguendo l’arco temporale di una settimana di lavoro,  durante la quale Giulia Viezzoli si  relaziona con circa sessanta studenti  provenienti da altrettanti paesi diversi e per i quali organizza laboratori linguistici.

“No maestra! Io non sono straniero: io sono di questa scuola!”, ecco, ora nel palato avverto come dei gradini. La saliva s’arresta. Inciampa. Atterrerà smarrita sull’esofago lasciandomi senza parole – e anche Luis, Jung-Su, Najla, Maryam e Besant: “noi non siamo stranieri!”. Ottimo! E adesso? Quando riprenderò a deglutire intendo, che cosa gli dovrei dire?

Io non sono straniero” è  anche un progetto di crowdfunding per finanziare un progetto pilota di facilitazione linguistica sul  territorio delle Marche, dove al momento la facilitazione è quasi del tutto assente o lasciata in mano alla buona volontà di docenti particolarmente appassionati e motivati.

Si tratta di un progetto pilota  che ha l’obiettivo, nel tempo,  di creare e generare un’associazione capace di ampliare il progetto, per promuovere azioni di inclusione sociale e interculturale, nella speranza che lo “straniero“, in classe e non solo,  smetta di essere vissuto come ostacolo e inizi a essere considerato come risorsa.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *