La parte del fuoco, romanzo di Marco Rovelli. Corpi, incontri e seconde possibilità.

La parte del fuoco, romanzo di Marco Rovelli. Corpi, incontri e seconde possibilità.

Se Dio vuole che moriamo, moriremo; se Dio vuole che viviamo, vivremo. I morti possono essere il veicolo della Sua volontà, questo avete pensato. E la Sua volontà era che vi salvaste: i morti hanno chiamato i morti, sono stati loro a guidarvi. Tu sei vivo, adesso, grazie ai morti. (p. 42)

David Valentini su Critica Letteraria:

Se mi ritrovassi a scrivere la quarta di copertina del libro di Rovelli, probabilmente la scriverei così: “Questa è una storia di corpi, incontri e seconde possibilità”.La parte del fuoco è una storia di corpi perché nel fuoco ci sono i corpi di Karim ed Elsa. Mi si obietterà che tutte le storie hanno al centro dei corpi, in quanto questi fungono da sineddoche per i personaggi le cui vicende vengono narrate. In questo caso parlare di corpi è però essenziale: è attraverso di loro che la storia prosegue, perché senza questa presenza fisica, quasi materica, la narrazione non avrebbe la stessa capacità espressiva. Senza il fascio di luce gettato sul corpo di Karim, piagato dalla fame prima e spezzato dalla fatica poi, sarebbe difficile sentire emotivamente il suo viaggio dalla Tunisia alle coste italiane, e da queste all’entroterra nostrano, che è luogo meno selvaggio, sì, ma non per questo più sicuro per chi vive vite clandestine. Allo stesso modo, senza il primo piano sui tagli di Elsa, non sarebbe possibile comprendere il disagio di una ragazza che si autoflagella per richiedere un minimo di attenzione a quei genitori che sembrano affrontare l’esistenza della figlia come una sospensione dalla realtà. Nei loro corpi pieni di materia, pur contusi, emaciati, mutilati, ritroviamo la pienezza di due vite che altrimenti sarebbe arduo raccontare.
La parte del fuoco è una storia di incontri perché due corpi che si incontrano e si ritrovano simili, anche nella loro diversità, sembrano quasi destinati ad attrarsi. Gli incontri più importanti avvengono spesso in modo casuale: ogni giorno si trovano per strada decine di persone, eppure fra tutto quel marasma di gente avviene un singolo sguardo, un singolo gesto che indica la via. Così avviene fra i due protagonisti, e il loro inizio è qualcosa che chiunque può percepire proprio. È uno scegliersi involontario. Rovelli è bravo a esaltare quel quid – non saprei dargli un nome: è qualcosa legato al fato, al destino, è un filo rosso, un legame ancestrale – che attrae due persone anche quando sono distanti. È un richiamarsi continuo, un bisogno che si fa necessità. Questo libro parla di incontri come questo.La parte del fuoco, infine, è una storia di seconde possibilità. Non solo la possibilità che Karim ottiene andando via dal proprio paese e rifacendosi una vita; non solo la possibilità che Elsa ha quando decide di tornare sulle sue tracce: bensì la seconda possibilità che entrambi si danno quando ogni evento sembra voler gridare il contrario. È un riscatto, il loro, che non viene da una concessione divina o sociale, quanto piuttosto dalle viscere che li abitano. È un riconoscersi degni di qualcosa.La parte del fuoco è la storia di due corpi che, incontrandosi, donano l’uno all’altro una seconda possibilità. La bellezza di questo libro è qui.

( David Valentini, 19/05/20. Articolo completo qui )

Scrivo libri e faccio musica. E insegno filosofia e storia nei licei. Ho scritto tre libri di quelli che vengono chiamati “reportage narrativi” (ma direi meglio: narrazioni sociali), insomma ibridi tra saggio e narrazione, su questioni del “margine” della società, nella convinzione che è dal margine che si vede meglio il centro. (Marco Rovelli)

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *